Conoscendo Silvia Luppi…

Ciao Ragazzi!

Oggi vi presento un’altra donna straordinaria : Silvia Luppi. È una fotografa nell’animo, specializzata nella categoria food, Silvia è  giovane e tosta. La sua intervista mi ha emozionata per la sua onestà intellettuale, semplicità e profondità. Mi piacerebbe che fosse un esempio per tutti,  in questo momento di crisi, comprendere che ce la si può fare se si va avanti con determinazione, lei viveva dietro  casa mia, in Via Mar Nero, ed ha fatto tutto da sola, con la forza del suo talento e della sua passione: un mito! Ma bando alle ciance, ecco a voi l’intervista:

Ciao Silvia, hai appena firmato le foto per un libro di cucina”I dolci di casa mia” di Maurizio Santin-edito da Guido Tommasi Editore-, spiegheresti agli amici del nostro blog che cos’è la  food fotografia ?

È una vero e proprio matrimonio con la cucina! Entri a 360 gradi nel cibo: dalla preparazione dei piatti, eseguita da un’economist, ai trucchi per renderlo bello e accattivante, dalle luci per esaltare la golosità e far venire l’acquolina, fino a tutto ciò che circonda il piatto: cioè l’ambientazione…bisogna riuscire a suggerire un’atmosfera…e far venire tanta fame!

Che cos’è per te l’arte?

È emozione pura. È uno strumento che ci conduce dentro noi stessi portandoci in contatto con il nostro io. L’arte è un viaggio nelle emozioni più intime.

Che cosa rappresenta la fotografia nella tua vita?

È parte di me…è il mio ossigeno. Ha determinato molte scelte importanti nella mia vita: essere una libera professionista, iniziare giovane in un paese che dà poca fiducia agli under 30, lavorare chiusa nella cameretta di casa con due luci e un tavolino come set e poi aprire uno studio meraviglioso che ora è il mio orgoglio, mi ha fatto tirare fuori il carattere, mi ha insegnato la pazienza, ha portato sulla mia strada quella che ora è la mia socia di sogni con cui condivido lo studio, mi ha fatto incontrare mio marito, insomma …è stata la mia guida, la mia compagna, la mia forza, il mio destino. Credo di doverle molto, mi ha reso felice.

Che cos’è per te la bellezza?

Domanda complessa…la bellezza è entrare in contatto con un’energia che va oltre le cose terrene. Quando riesci a coglierla ti riempie l’anima ed è tua per sempre.

…Wow! Un consiglio ai giovani fotografi che vogliono intraprendere questa strada?

Non bisogna avere paura, bisogna essere dotati di un pizzico di follia e rischiare. È fondamentale lavorare in diversi studi fotografici come assistenti, perché  è la scuola migliore che ci possa essere.

Qual è il tuo piatto preferito? 

Ho assistito alla preparazione di numerose ricette elaborate, con ingredienti di cui non ricordo nemmeno il nome…ma il mio piatto preferito rimane sempre la pizza!

C’è qualcuno che vorresti ringraziare?

Qualcuno? Sono tanti! I miei genitori che mi danno fiducia quotidianamente, mia sorella che mi ha fatto da modella per il primo corso di fotografia a Brera, Barbara Bonomelli per i suoi insegnamenti sulla fotografia, Eleonora Greppi (socia di sogni) che sopporta con pazienza il mio disordine in studio, Chiara Pallotti (my food stylist) , tutti quelli che credono in me…riempirei il blog di ringraziamenti, non mi sembra il caso!

Prossimi progetti, cosa stai preparando?

Tante collaborazioni attive con grandi aziende, un grosso libro in progettazione e forse qualcosa di diverso dalla food fotografia…il mio amato reportage!

In bocca al lupo allora! Esistono ancora dinamiche discriminanti nel poter esser una professionista donna?

Per quanto mi riguarda no. Non sono mai stata discriminata in quanto donna, mi è capitato più per la giovane età.

In quale colore ti piacerebbe…”nuotare” in questo momento?

Ogni mattina nuoto in un candido color bianco che alla sera si riempie di mille sfumature colorate.Grazie!!!

 

Che dire… sei stata bravissima! Grazie e te!

©Silvia Luppi

©Silvia Luppi

Share Button

2 pensieri su “Conoscendo Silvia Luppi…

  1. Pingback: UN'ARTISTA IN 5 GOCCE : 5 gocce di Silvia Camporesi | Daniela CavalloDaniela Cavallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *