Michela

Ciao Meravigli!

Dalla serie delle Mothers vi presento Michela:

Miki è una ragazza schietta che non ha paura di mostrare la propria personalità. Sa essere ironica e sagace, ma il suo lato nascosto, quello che lei protegge di più agli occhi degli altri, a mio parere, è quello che io ho voluto indagare: sto parlando della sua meravigliosa e “azzurrina” vulnerabilità.

Eccola a voi:

Michela giglio©Daniela Cavallo 2012

Michela giglio©Daniela Cavallo 2012

Tutti i diritti riservati. Ogni riproduzione e/o utilizzazione non autorizzata verrà perseguita a norma delle leggi civili e penali vigenti.

Continua a leggere

…Conoscendo Roberto Mutti : critico fotografico

Ragazzi! Sono onoratissima di postarvi l’intervista ad un fine intellettuale, giornalista, critico e docente di fotografia: Roberto Mutti!

Ecco a voi:

Ciao Roberto, ci racconti qual è la tua professione?

Da molti anni mi occupo di fotografia a trecentosessanta gradi e su più livelli che posso così indicare in modo schematico: come giornalista scrivo da circa trent’anni sulle pagine milanesi de la Repubblica su cui ho segnalato migliaia di mostre e di autori; inoltre ho collaborato con molte testate di settore, ho diretto per sette anni il bimestrale “Fotopratica” e attualmente sono il direttore della rivista on line Kairòs Magazine. Come docente ho insegnato linguaggio e storia della fotografia in diverse scuole e attualmente all’Istituto Italiano di fotografia e all’Accademia del Teatro alla Scala fin dalla sua fondazione. Come critico indipendente ho curato moltissime mostre di autori affermati e di emergenti e, siccome amo molto scrivere, ho firmato un bel numero di libri, cataloghi, monografie, saggi. Come organizzatore faccio parte dei comitati scientifici del MIA e del Photo Festival di Milano. Comunque quando mi chiedono di riassumere la mia attività con una definizione rispondo “critico fotografico”.

 Cos’è per te l’arte?

Domanda difficile. L’arte è la capacità di far emergere la propria personalità e creatività con opere capaci di assumere un valore assoluto e nelle quali anche altri possano riconoscersi. Comunque l’arte la si riconosce perché quando la si incontra si è attraversati da una sensazione intensa e piacevole. 

Cos’è per te la bellezza?

Domanda ancora più difficile. La bellezza è l’elemento che sa conciliare la materialità quotidiana e la tensione estetica. La bellezza non è un dato soggettivo (dire che è bello ciò che piace è una sciocchezza perché non necessariamente ciò che piace è bello) ma al contrario è un dato in cui un’epoca o un popolo o un gruppo può riconoscersi. Ma attenzione, l’estetica non è nulla se non si concilia con l’etica.

Continua a leggere