Trasfusione

Buongiorno a tutti!

L’intervista a Barbara è andata molto bene, ha avuto moltissime visualizzazioni! Anzi ne approfitto per ringraziare i lettori di questo blog! Questa è la prova che lo scambio e il confronto possono essere una modalità interessante di interazione con la realtà: più punti di vista di qualità  ci sono  meglio è, a mio parere! Oggi vi racconto invece, tramite uno storyboard o layout,un progetto per una performance che non ho mai realizzato, si titola: TRASFUSIONE.

 "Baccanti" ©daniela cavallo 2007

“Baccanti” ©daniela cavallo 2007

È un lavoro simbolico, si basa su alcuni concetti archetipici che tutti noi abbiamo nascosti da qualche parte:

il colore rosso: sangue- vita- iniziazione ad una nuova età  (in questo caso accesso al mondo adulto femminile)

Il numero Tre: il Tre è il simbolo della conciliazione per il suo valore unificante. Infatti tanto il due separa quanto il tre riunisce.

Ecco a voi il progetto…Cosa ne pensate?

1

 

Esempio di una location…io ovviamente ho utilizzato uno specchio d’acqua vicino casa mia. (Il mio amato Parco delle Cave, tanto per cambiare!)

3

Trucco-parrucco: colorare la pelle di rosso alle tre attrici che andranno ad interpretare l’azione poetica. La creatura rossa che vedete qui sopra è la “povera mia sorella” che si presta a tutte le mie…”visions”! Grande Eli!!!

 

4

 

Azione prima: Riflessione delle ragazze dipinte di rosso nello specchio d’acqua.

5Questi due scatti che vi posto, invece, sono una prova di coordinamento con tre ragazze che ho voluto fare in estate al mare, giusto per avere un’idea visiva dell’insieme e dei possibili movimenti. (Ho coinvolto il paziente parentado ovviamente!)

6

Le tre attrici si immergeranno nell’acqua, perderanno il colore rosso dalla pelle e l’acqua invece, diventerà rossa (con un trucco scenografico).

Le ragazze si laveranno con gesti coordinati e leggeri, l’una pulirà l’altra, come in una danza, quasi a prendersi cura l’una dell’altra. Quindi il vestito bianco si sporcherà di rosso e loro usciranno dall’acqua con la pelle bianca.

Avete capito a cosa alludo?

Questa è una trasfusione. Il rosso sulla pelle (è lo stesso che sporcava la chiave della moglie di Barbablù, vi ricordate la fiaba?) delle attrici, anche se verrà lavato dal loro corpo attraverso le abluzioni, rimarrà comunque visibile nell’acqua e sul vestito.

Come a voler dire che una verità non si puo’ nascondere, puo’ cambiare forma, stato, ma rimarrà sempre visibile a meno che…non siate daltonici!!!

 

Prima o poi realizzerò questa performance o la trasformeremo  in un video!

Chissà quando!!! Presto, dai!

Un grande bacio

Dani

il ciclo- 2006-©daniela cavallo

il ciclo- 2006-©daniela cavallo

Fatemi conoscere i vostri pensieri anche qui sul blog!

Share Button

4 pensieri su “Trasfusione

  1. Pingback: Un'idea da realizzare : un muro da abbattere! | Daniela CavalloDaniela Cavallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *